Sea Watch 3 – Grande Carola

La Sea Watch ha deciso di forzare il blocco ed è entrata in acque italiane. Ne ha dato notizia la stessa ong pochi minuti dopo le 14. «La situazione a bordo era disperata, siamo in stato di necessità, sappiamo cosa rischiamo» ha fatto sapere la capitana Carola Rackete. Subito dopo una motovedetta della Guardia di Finanza si è diretta verso la Sea watch per intimare l’alt. Ora l’organizzazione rischia il sequestro della nave e una forte multa (fino a 50.000 euro) in base al decreto sicurezza bis. «Nessuna istituzione europea – ha aggiunto Johannes Bayer, presidente di Sea Watch – vuole prendersi la responsabilità e sostenere la dignità al confine dell’Europa nel Mediterraneo. Questo è il motivo per il quale ci siamo assunti la responsabilità per conto nostro. Entriamo nelle acque italiane dato che non è rimasta più nessuna altra opzione per assicurare la sicurezza dei nostri ospiti, i cui diritti fondamentali sono stati violati per un tempo sufficientemente lungo. Le garanzie dei diritti umano non deve essere condizionata ad un passaporto o ad alcuna negoziazione Ue: devono essere indivisibili».

Di Valentina Santarpia e Claudio Del Frate

daCorriere.it

Annunci

ANDATELI A PRENDERLI SULLE SPIAGGE

Dal 2014 almeno 15000 morti annegati.

Un tratto di mare come un cimitero.

Piano Marshall Africa Si parte con 44 miliardi di euro

Dalla Repubblica+del 26/11/2017

Bruxelles prepara un progetto di sviluppo anche per fermare i flussi e il terrorismo Al vertice di Abidjan ci sarà l’intesa politica L’obiettivo finale: mobilitare 350 miliardi

Dal nostro corrispondente bruxelles Le delegazioni sono già in partenza, ad Abidjan si riuniranno i rappresentanti di 84 paesi, africani ed europei. Sarà lì, nella vecchia capitale della Costa d’Avorio, che nascerà un nuovo patto politico tra Unione europea e Unione africana. Con una ventina d’anni di ritardo, dopo aver lasciato strada alla Cina, gli europei si muovono, spinti dai flussi migratori…

Siamo tutti Africani

  
L’uomo moderno (Homo sapiens Linnaeus, 1758; dal latino “uomo sapiente”) è un primate della famiglia degli ominidi ed è l’unica specie vivente del genere Homo.

Il periodo che va dal paleolitico medio, circa 200 000 anni fa, all’epoca odierna, vede la comparsa in Africa orientale e la diversificazione della specie Homo sapiens Linnaeus, 1758. Secondo le teorie prevalenti, dal continente africano, circa 65-75 000 anni fa (o secondo altre evidenze alcune decine di migliaia di anni prima), in stretta coincidenza con un evento di fortissima riduzione della popolazione globale, tuttora in fase di definizione, parte della specie iniziò un percorso migratorio che attraverso un corridoio medio orientale la portò a colonizzare l’intero pianeta.

Fonte: Wikipedia 

  

Love,love,love: Vergognatevi!

Questo ha deciso l’Europa:
Migranti, se sono rifugiati politici possono ottenere il permesso di soggiorno, se invece fuggono dalla fame e dalla miseria devono essere rispediti al loro paese, dove rischiano la galera e anche la pena di morte.
Nel mondo ci sono almeno 50Milioni di persone discendenti dei nostri migranti che sfuggivano dalla fame più nera che c’era in Italia nei primi anni del 900.

Foto di migranti Italiani del 1905:

il viaggio dei poveriEmigranti-italiani-su-un-bastimento-agli-inizi-del-9001905-migranti-italiani111243756-036ad1c0-a88d-48c2-94ca-4102dc54e78d