Sfulingo(123) di Rabindranath Tagore

Il nuovo anno arriva
fra tenebre dense di cattivo augurio:
non porta messaggi di speranza,
non porta teneri affetti.
Il destino appare cieco
in nere forme di terrore:
quando avremo paura
diventerà sfotuna.
Fissiamo il giusto valore
della vita,
e nei giorni avversi
paghiamo con indomabile coraggio
il giusto prezzo.

Mathias Malzieu – La meccanica del cuore

“Uno, non toccare le lancette. Due, domina la rabbia. Tre, non innamorarti, mai e poi mai. Altrimenti, nell’orologio del tuo cuore, la grande lancetta delle ore ti trafiggerà per sempre la pelle, le tue ossa si frantumeranno, e la meccanica del cuore andrà di nuovo in pezzi.” 

Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato applicando al suo cuore difettoso un orologio a cucù. La protesi è tanto ingegnosa quanto fragile e i sentimenti estremi potrebbero risultare fatali. L’amore, innanzitutto. Ma non si può vivere al riparo dalle emozioni e, il giorno del decimo compleanno di Jack, la voce ammaliante di una piccola cantante andalusa fa vibrare il suo cuore come non mai. L’impavido eroe, ormai innamorato, è disposto a tutto per lei. Non lo spaventa la fuga né la violenza, nemmeno un viaggio attraverso mezza Europa fino a Granada alla ricerca dell’incantevole creatura, in compagnia dell’estroso illusionista Georges Méliès. E finalmente, due figure delicate, fuori degli schemi, si incontrano di nuovo e si amano. ………………….

Giorgia – Vanità

[Testo di Giorgia]

Che strana

La gente

Che mentre si odia non si pente

Niente è importante

Più del potere in questa civiltà

Dove ognuno traccia il suo destino

Forte come un’eco (eco)

Sbatte contro un altro muro
Vanità

L’illusione

Docile si arrende al dio migliore

Vanità

Lei non sa

Che è solo un altro imbroglio e tu lo chiami amore

E mi spacca il cuore
Che matta

La gente (che matta la gente)

Che si ama eppure non si sente (non si sente)

Si vince

E si perde (si vince e si perde)

Il privilegio di essere vivente

Perché ognuno traccia il suo destino

Forte come un’eco (eco)

cerca l’immortalità
Vanità

L’illusione

Docile si arrende al dio migliore

Vanità

Lei non sa

Che è solo un altro imbroglio e tu lo chiami amore

E mi spacca il cuore
Atomi unici, nudi, diversi e vibranti

Siamo distanti io e te

Come migranti nascosti nell’evoluzione

Siamo distanti io e te

Io e te
Vanità

Illusione

Docile si arrende al dio migliore

Vanità

Lei non sa

Che è solo un altro imbroglio e tu lo chiami amore

E mi spacca il cuore

Mi spacca il cuore

Docile si arrende al dio migliore

Vanità

Lei non sa

Che è solo un altro imbroglio e tu lo chiami amore

Mi spacca il cuore

Mi spacca il cuore