Fourth July – Sufjan Stevens 900X remix

Il male si è diffuso come una febbre

Era notte quando sei morta, mia lucciola

Cosa avrei potuto dirti per resuscitarti dalla morte?

Potrei essere il cielo il quattro di Luglio?

“Hai parlato abbastanza

Mia piccolo falco, perché piangi?

Dimmi cosa hai imparato dall’incendio di Tillamook

O dal 4 Luglio?

Tutti moriremo”

Seduto sul letto con l’aureola alla tua testa

Fu tutto un disguido, come alle superiori?

Dove tutto era finzione, futuro e previsioni

Ora dove sono, mia scorta in esaurimento?

“Hai ricevuto abbastanza amore,

mia piccola colomba?

Perché piangi?

Mi dispiace che sei partita ma era meglio così

Anche se non l’ho mai sentito giusto

Mia piccola Versailles”

Dall’ospedale hanno chiesto se il corpo dovesse essere sepolto

Prima che io ti dicessi addio, mia stella del cielo

Che pensiero divertente avvolgerti nei vestiti

Lo trovi giusto, mia libellula?

“Guardiamo la luna, mio piccolo pazzo

Perché piangi?

Trai il meglio dalla tua vita, finché è colma

Finché è luce

Be’ hai detto abbastanza

Mia piccolo falco, perché piangi?

Dimmi cosa hai imparato dall’incendio di Tillamook

O dal 4 Luglio?

Tutti moriremo”

25/12 il giorno più brutto della mia vita

In un anno maledetto, un 25 dicembre, moriva mio padre colpito da un ictus sulla soglia di casa, (colpa di un controllore d’autobus che il giorno prima gli aveva fatto una multa per avere dimenticato l’abbonamento, il 25 dimenticò di nuovo l’abbonamento allora scese e si mise a correre per due fermate per riuscire a prendere l’autobus successivo) C’ero solo io sull’ambulanza, con gli infermieri che mi dicevano di urlare di parlargli ma io non riuscivo a dire una parola.

Non me lo sono mai perdonato.

Un Natale passato in ospedale un agonia di 15 ore, un cuore che non si voleva arrendere.

Mio padre, non lo vedevo da 4 mesi,ero a Berlino a fare il cretino sopra un muro che stava per cadere. Tornato a Bologna il giorno 24/12 non avrei mai immaginato di rivederlo nella camera mortuaria dell’ospedale, nudo su un carrello coperto da un lenzuolo bianco.

Ora, anche dopo tanti anni, un “Buon Natale” è ancora una pugnalata al cuore.

È una cretinata che il tempo guarisce ogni cosa, per me è come se fosse successo ieri.

È difficile da capire ma il tempo non esiste, lo affermava anche Einstein e i fisici quantistici di oggi lo hanno confermato: a livello quantico, in tutte le formule fisiche il tempo non appare mai.

Marea Pericolosa – The Rip Tide – Beirut

E questa è la casa in cui

Mi sento solo

Mi sento solo adesso

E questa è la casa in cui

Potrei essere uno sconosciuto

Sono solo adesso

Presto le onde ed io

Troveremo la marea vorticosa

Presto le onde ed io

Troveremo l’alta marea

Questa è la casa in cui

Mi sento solo

Mi sento solo adesso

***************************

Questa è come la musica che segue i funerali negli Stati Uniti del Sud (Missisipi, Kentucky,Carolina del Nord,Alabama ecc…)

Arma di Grosso Calibro – The Elephant Gun – Beirut

Se fossi giovane fuggirei da questa città
Seppellirei i miei sogni
Come allora feci, beviamo alla morte, beviamo stanotte.
Lontano da casa, pistola a grosso calibro
Uccidiamoli uno ad uno
La getteremo, non è stata trovata, qui non c’è.
Che la stagione abbia inizio – è iniziata
Che la stagione abbia inizio – distruggi la caccia grossa
E squarcia il silenzio del nostro campeggio nella notte
E squarcia la notte
E squarcia il silenzio del nostro campeggio nella notte
E squarcia il silenzio, tutto ciò che resta è quello che nascondo
***********************************************************

Avrei dovuto pensarci prima (Should Have Known Better) – Sufjan Stevens

Avrei dovuto pensarci prima

Avrei dovuto pensarci prima
Per vedere quello che sono riuscito a vedere.
Il mio sudario nero
Tiene a bada i miei sentimenti,
Un pilastro per i miei nemici.

Avrei dovuto scrivere una lettera
E provare dolore per ciò per cui davvero provo dolore.
Il mio sudario nero.
Non mi fido mai dei miei sentimenti,
Ho aspettato un rimedio.

Quando avevo tre anni – tre, forse quattro,
Lei ci lasciò a quel negozio di videocassette.
Sii il mio riposo, sii la mia fantasia.

Sono leggero come una piuma.
Sono luminoso come la brezza dell’Oregon
Il mio sudario nero
Spaventato dai miei sentimenti.
Voglio solo essere sollievo.

No, non sono un carrierista.
Un demone mi ha fatto un incantesimo.
Il mio mantello nero,
Capitano dei miei sentimenti.
L’unica cosa a cui voglio credere.

Quando avevo tre anni ed ero libero di esplorare
Vidi la sua faccia sul retro della porta.
Sii il mio riposo, sii la mia fantasia.

Avrei dovuto conoscerlo meglio
Niente può essere cambiato,
Il passato resta passato,
Un ponte che non porta a nulla.
Avrei dovuto scrivere una lettera
Spiegando ciò che provo
quella sensazione di vuoto.

Non arrenderti, concentrati su ciò che vedi.
Le conversazioni iniziate al bar, il saluto di un vicino.
Mio fratello ha avuto una figlia –
quanta bellezza ha portato, un’illuminazione.

Non arrenderti, non è rimasto nulla:
Le conversazioni iniziate nei bar, l’assenza di una ragione di vita.
Sono uno stolto in catene, mi troverai alla barba di Aronne

Non arrenderti, niente può essere cambiato.
Un ponte a sbalzo, il marinaio ubriaco.
Mio fratello ha avuto una figlia –
Quanta bellezza ha portato, un’illuminazione.

Should Have Known Better – Sufjan Stevens