Vita

Le cortesie più piccole

– un fiore o un libro –

piantano sorrisi come semi

che germogliano nel buio.

Apprezzare le piccole cose che fanno grande una vita.

Emiliy Dickinson

Annunci

Carl Sandburg- Alla Finestra 


Carl Sandburg (Galesburg, 6 gennaio 1878 – Flat Rock, 22 luglio 1967) è stato un poeta statunitense. Fu insignito di due Premi Pulitzer: uno per la poesia nel 1951 ed uno per la storia nel 1959.

Figlio di poveri[1] ed incolti emigranti svedesi, già a tredici anni incominciò a lavorare. Prese parte alla guerra ispano-americana e solo in seguito riuscì a frequentare per qualche tempo studi regolari. All’inizio della sua carriera letteraria fu attivo come giornalista.[1]

Nel 1904 pubblicò un primo libro di versi, che passò inosservato. Quando, tuttavia, nel 1914 la rivista Poetry uscì con alcune sue poesie, fra le quali Chicago che gli valse subito un premio, Sandburg divenne una delle voci più importanti del cosiddetto gruppo di Chicago, promotore di un rinnovamento della poesia nel senso di una diretta ricerca delle manifestazioni più autentiche della nuova realtà americana e di un linguaggio affrancato dagli schemi stilistici tradizionali, spoglio e quotidiano.

Fonte: Wikipedia