25/12 il giorno più brutto della mia vita

In un anno maledetto, un 25 dicembre, moriva mio padre colpito da un ictus sulla soglia di casa, (colpa di un controllore d’autobus che il giorno prima gli aveva fatto una multa per avere dimenticato l’abbonamento, il 25 dimenticò di nuovo l’abbonamento allora scese e si mise a correre per due fermate per riuscire a prendere l’autobus successivo) C’ero solo io sull’ambulanza, con gli infermieri che mi dicevano di urlare di parlargli ma io non riuscivo a dire una parola.

Non me lo sono mai perdonato.

Un Natale passato in ospedale un agonia di 15 ore, un cuore che non si voleva arrendere.

Mio padre, non lo vedevo da 4 mesi,ero a Berlino a fare il cretino sopra un muro che stava per cadere. Tornato a Bologna il giorno 24/12 non avrei mai immaginato di rivederlo nella camera mortuaria dell’ospedale, nudo su un carrello coperto da un lenzuolo bianco.

Ora, anche dopo tanti anni, un “Buon Natale” è ancora una pugnalata al cuore.

È una cretinata che il tempo guarisce ogni cosa, per me è come se fosse successo ieri.

È difficile da capire ma il tempo non esiste, lo affermava anche Einstein e i fisici quantistici di oggi lo hanno confermato: a livello quantico, in tutte le formule fisiche il tempo non appare mai.

Marea Pericolosa – The Rip Tide – Beirut

E questa è la casa in cui

Mi sento solo

Mi sento solo adesso

E questa è la casa in cui

Potrei essere uno sconosciuto

Sono solo adesso

Presto le onde ed io

Troveremo la marea vorticosa

Presto le onde ed io

Troveremo l’alta marea

Questa è la casa in cui

Mi sento solo

Mi sento solo adesso

***************************

Questa è come la musica che segue i funerali negli Stati Uniti del Sud (Missisipi, Kentucky,Carolina del Nord,Alabama ecc…)

Arma di Grosso Calibro – The Elephant Gun – Beirut

Se fossi giovane fuggirei da questa città
Seppellirei i miei sogni
Come allora feci, beviamo alla morte, beviamo stanotte.
Lontano da casa, pistola a grosso calibro
Uccidiamoli uno ad uno
La getteremo, non è stata trovata, qui non c’è.
Che la stagione abbia inizio – è iniziata
Che la stagione abbia inizio – distruggi la caccia grossa
E squarcia il silenzio del nostro campeggio nella notte
E squarcia la notte
E squarcia il silenzio del nostro campeggio nella notte
E squarcia il silenzio, tutto ciò che resta è quello che nascondo
***********************************************************

Avrei dovuto pensarci prima (Should Have Known Better) – Sufjan Stevens

Avrei dovuto pensarci prima

Avrei dovuto pensarci prima
Per vedere quello che sono riuscito a vedere.
Il mio sudario nero
Tiene a bada i miei sentimenti,
Un pilastro per i miei nemici.

Avrei dovuto scrivere una lettera
E provare dolore per ciò per cui davvero provo dolore.
Il mio sudario nero.
Non mi fido mai dei miei sentimenti,
Ho aspettato un rimedio.

Quando avevo tre anni – tre, forse quattro,
Lei ci lasciò a quel negozio di videocassette.
Sii il mio riposo, sii la mia fantasia.

Sono leggero come una piuma.
Sono luminoso come la brezza dell’Oregon
Il mio sudario nero
Spaventato dai miei sentimenti.
Voglio solo essere sollievo.

No, non sono un carrierista.
Un demone mi ha fatto un incantesimo.
Il mio mantello nero,
Capitano dei miei sentimenti.
L’unica cosa a cui voglio credere.

Quando avevo tre anni ed ero libero di esplorare
Vidi la sua faccia sul retro della porta.
Sii il mio riposo, sii la mia fantasia.

Avrei dovuto conoscerlo meglio
Niente può essere cambiato,
Il passato resta passato,
Un ponte che non porta a nulla.
Avrei dovuto scrivere una lettera
Spiegando ciò che provo
quella sensazione di vuoto.

Non arrenderti, concentrati su ciò che vedi.
Le conversazioni iniziate al bar, il saluto di un vicino.
Mio fratello ha avuto una figlia –
quanta bellezza ha portato, un’illuminazione.

Non arrenderti, non è rimasto nulla:
Le conversazioni iniziate nei bar, l’assenza di una ragione di vita.
Sono uno stolto in catene, mi troverai alla barba di Aronne

Non arrenderti, niente può essere cambiato.
Un ponte a sbalzo, il marinaio ubriaco.
Mio fratello ha avuto una figlia –
Quanta bellezza ha portato, un’illuminazione.

Should Have Known Better – Sufjan Stevens

Gallipoli – Beirut ( Zachary_Francis_Condon )

Semplicemente stupenda, registrata a Gallipoli con la banda del paese. Anticipazione del nuovo album in uscita a Febbraio dopo tre anni di silenzio.

I Beirut sono un gruppo musicale statunitense nato nel 2006 dal progetto musicale solista di Zachary Francis Condon (nativo di Santa Fe, Nuovo Messico), che si è evoluto, in seguito, in una band guidata dallo stesso Condon. I loro primi concerti sono del maggio 2006, eseguiti per promuovere l’uscita del loro album di debutto Gulag Orkestar.

La loro musica combina elementi del folk dell’Europa dell’Est con la musica pop e indie rock.

Wikipedia

Nobody Loves You (When You’re Down and Out) – John Lennon

1974 John Lennon tira le somme della sua vita, arrivata a un punto morto.

Separato da Yoko Ono, che lo ha lasciato con la sua carriera a un punto morto, in questo contesto a John non resta che prendere atto del fallimento. Non a caso l’attacco del brano è impregnato di disperato pessimismo: “Nessuno ti ama quando sei a terra / Nessuno ti vede quando sei al settimo cielo”.

Nessuno ti ama quando sei a terra
Nessuno ti vede quando sei al settimo cielo 
Tutti si danno da fare solo per soldi
Io graffierò la tua schiena e tu graffierai la mia

Sono stato dall’altra parte
Ti ho mostrato tutto, non ho niente da nascondere
Eppure ancora mi chiedi se ti amo
Ma cosa significa, cosa significa? 
Posso dirti che si tratta solo di esibizionismo

Tutti si sbattono per quattro soldi
Io graffierò la tua schiena e tu pugnalerai la mia

Ho attraversato l’oceano tante volte
Ho visto lo stregone con un occhio solo che guidava i ciechi
Ma tu ancora mi chiedi se ti amo
Ma cosa dici, cosa dici
Ogni volta che cerco di affrontarlo 
L’argomento scivola via

Mi alzo al mattino e guardo nello specchio per vedere 
Poi mi stendo al buio e già so che non riuscirò a dormire

Nessuno ti ama quando sei vecchio e grigio
Nessuno ti ama quando stai sottosopra
Tutti urlano in giro il giorno del proprio compleanno
Tutti ti amano quando ti trovi sei piedi sotto terra

Babylon Berlin

Shazam ha scoperto la canzone “Zu Asche, Zu Staub”(Psycho Nikoros) di Severija.

Babylon Berlin è una serie televisiva tedesca (In onda su Sky) basata sui libri di Volker Kutscher, le cui trame spaziano dal 1929 al 1934. Il protagonista è il commissario di polizia Gereon Rath, che è stato trasferito dalla città di Colonia alla capitale. Link a Wikipedia

La serie si svolge a Berlino dal 1929, nel periodo della Repubblica di Weimar. Il protagonista è il commissario Gereon Rath, che viene trasferito da Colonia a Berlino per indagare nel contesto di un caso di ricatto e inquadrato nella buoncostume. Incontra Charlotte Ritter presso la sede della polizia di Berlino e inizia le sue indagini insieme al suo collega Bruno Wolter di Berlino, nel corso delle quali entra in contatto con droghe, politiche, omicidi, arte, emancipazione ed estremismo.