25/12 il giorno più brutto della mia vita

In un anno maledetto, un 25 dicembre, moriva mio padre colpito da un ictus sulla soglia di casa, (colpa di un controllore d’autobus che il giorno prima gli aveva fatto una multa per avere dimenticato l’abbonamento, il 25 dimenticò di nuovo l’abbonamento allora scese e si mise a correre per due fermate per riuscire a prendere l’autobus successivo) C’ero solo io sull’ambulanza, con gli infermieri che mi dicevano di urlare di parlargli ma io non riuscivo a dire una parola.

Non me lo sono mai perdonato.

Un Natale passato in ospedale un agonia di 15 ore, un cuore che non si voleva arrendere.

Mio padre, non lo vedevo da 4 mesi,ero a Berlino a fare il cretino sopra un muro che stava per cadere. Tornato a Bologna il giorno 24/12 non avrei mai immaginato di rivederlo nella camera mortuaria dell’ospedale, nudo su un carrello coperto da un lenzuolo bianco.

Ora, anche dopo tanti anni, un “Buon Natale” è ancora una pugnalata al cuore.

È una cretinata che il tempo guarisce ogni cosa, per me è come se fosse successo ieri.

È difficile da capire ma il tempo non esiste, lo affermava anche Einstein e i fisici quantistici di oggi lo hanno confermato: a livello quantico, in tutte le formule fisiche il tempo non appare mai.

Marea Pericolosa – The Rip Tide – Beirut

E questa è la casa in cui

Mi sento solo

Mi sento solo adesso

E questa è la casa in cui

Potrei essere uno sconosciuto

Sono solo adesso

Presto le onde ed io

Troveremo la marea vorticosa

Presto le onde ed io

Troveremo l’alta marea

Questa è la casa in cui

Mi sento solo

Mi sento solo adesso

***************************

Questa è come la musica che segue i funerali negli Stati Uniti del Sud (Missisipi, Kentucky,Carolina del Nord,Alabama ecc…)

Arma di Grosso Calibro – The Elephant Gun – Beirut

Se fossi giovane fuggirei da questa città
Seppellirei i miei sogni
Come allora feci, beviamo alla morte, beviamo stanotte.
Lontano da casa, pistola a grosso calibro
Uccidiamoli uno ad uno
La getteremo, non è stata trovata, qui non c’è.
Che la stagione abbia inizio – è iniziata
Che la stagione abbia inizio – distruggi la caccia grossa
E squarcia il silenzio del nostro campeggio nella notte
E squarcia la notte
E squarcia il silenzio del nostro campeggio nella notte
E squarcia il silenzio, tutto ciò che resta è quello che nascondo
***********************************************************

3 pensieri su “25/12 il giorno più brutto della mia vita

  1. Tuo Padre ti vede e ti ama, lascia i rimorsi che ti impediscono di vivere, tuo papa’ non vorrebbe era una situazione estreme le tue parole non lo avrebbero salvato gli infermieri gridavano anche loro.. Buon Natale amico amato che la Luce irradi la tua mente e il cuore, tvb.

    Piace a 1 persona

  2. Mi dispiace tanto, posso capire, anche se solo il minima parte, quello che racconti. Anche per me il Natale ha un’altra fisionomia da quando una telefonata mi raggiunse, in un altro paese, per dirmi che mio padre era all’ospedale. Rimasi li, bloccata, senza poter fare nulla, e passai una notte insonne. Per fortuna fini tutto per il meglio ma quella paura non mi molla mai…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...