Avrei dovuto pensarci prima (Should Have Known Better) – Sufjan Stevens

Avrei dovuto pensarci prima

Avrei dovuto pensarci prima
Per vedere quello che sono riuscito a vedere.
Il mio sudario nero
Tiene a bada i miei sentimenti,
Un pilastro per i miei nemici.

Avrei dovuto scrivere una lettera
E provare dolore per ciò per cui davvero provo dolore.
Il mio sudario nero.
Non mi fido mai dei miei sentimenti,
Ho aspettato un rimedio.

Quando avevo tre anni – tre, forse quattro,
Lei ci lasciò a quel negozio di videocassette.
Sii il mio riposo, sii la mia fantasia.

Sono leggero come una piuma.
Sono luminoso come la brezza dell’Oregon
Il mio sudario nero
Spaventato dai miei sentimenti.
Voglio solo essere sollievo.

No, non sono un carrierista.
Un demone mi ha fatto un incantesimo.
Il mio mantello nero,
Capitano dei miei sentimenti.
L’unica cosa a cui voglio credere.

Quando avevo tre anni ed ero libero di esplorare
Vidi la sua faccia sul retro della porta.
Sii il mio riposo, sii la mia fantasia.

Avrei dovuto conoscerlo meglio
Niente può essere cambiato,
Il passato resta passato,
Un ponte che non porta a nulla.
Avrei dovuto scrivere una lettera
Spiegando ciò che provo
quella sensazione di vuoto.

Non arrenderti, concentrati su ciò che vedi.
Le conversazioni iniziate al bar, il saluto di un vicino.
Mio fratello ha avuto una figlia –
quanta bellezza ha portato, un’illuminazione.

Non arrenderti, non è rimasto nulla:
Le conversazioni iniziate nei bar, l’assenza di una ragione di vita.
Sono uno stolto in catene, mi troverai alla barba di Aronne

Non arrenderti, niente può essere cambiato.
Un ponte a sbalzo, il marinaio ubriaco.
Mio fratello ha avuto una figlia –
Quanta bellezza ha portato, un’illuminazione.

Should Have Known Better – Sufjan Stevens

Annunci

Gallipoli – Beirut ( Zachary_Francis_Condon )

Semplicemente stupenda, registrata a Gallipoli con la banda del paese. Anticipazione del nuovo album in uscita a Febbraio dopo tre anni di silenzio.

I Beirut sono un gruppo musicale statunitense nato nel 2006 dal progetto musicale solista di Zachary Francis Condon (nativo di Santa Fe, Nuovo Messico), che si è evoluto, in seguito, in una band guidata dallo stesso Condon. I loro primi concerti sono del maggio 2006, eseguiti per promuovere l’uscita del loro album di debutto Gulag Orkestar.

La loro musica combina elementi del folk dell’Europa dell’Est con la musica pop e indie rock.

Wikipedia