Il Diritto alla Felicità 

Quella sera il padre Gribomont accettò di andare a cena a casa di un amico. Durante la cena il figlio più piccolo, vedendolo vestito in quel modo, non gli toglieva gli occhi di dosso e gli chiese: “Chi sei?”. “Un monaco”, rispose il padre. E lui di rimando: “Cosa fai?”. “Mi alzo alle quattro ogni mattina…”. “Alle quattro? E cosa fai alle quattro?”. “Comincio ad essere felice”, replicò prontamente il monaco.
Ogni uomo deve rispondere così, perché tutti abbiamo diritto alla felicità. Siamo stati creati per essere felici. Ma cos’è la felicità? 

È la pienezza di quella gioia di cui il cuore ha bisogno. 

Una persona senza gioia è come una barca a vela senza vento, come una macchina con la benzina di pessima qualità: non carbura bene. 

Dalla felicità del cuore dipende la qualità della vita e l’operosità di ciascuno. Chi non è felice non vive, spesso si lascia vivere, non produce, o produce male, per cui può diventare pericoloso. 

Il comandante della pattuglia delle Frecce Tricolori mi disse: “I miei uomini, anche se addestrati e pronti, quando salgono sull’aereo devono essere soprattutto sereni e felici. Personalmente tengo i contatti con le loro famiglie, perché se tutto non è ok non li lascio partire”. Uno stupendo spettacolo di tecnica potrebbe trasformarsi in tragedia. 

Senza la felicità nel cuore non si vola alto. 

Dio vuole la nostra felicità come ogni padre la desidera per i propri figli. “Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena”, ci ha detto Gesù e attraverso S. Paolo ci ha fatto sapere: “Siate sempre lieti… questa è la volontà di Dio verso voi” [l Tess. 5,16]; “Rallegratevi nel Signore sempre, ve lo ripeto, rallegratevi” [Fil.4,4]. 

A quanto pare, allora, la felicità è un ordine, un dovere… proprio così. Perché se non si trovano le ragioni per la propria felicità, non c’è ragione per vivere. 

Eppure quest’ordine di Dio non vale solo quando tutte le cose vanno bene, tutto corre liscio, ma anche quando ci sono le prove e le sofferenze: bisogna essere lieti nonostante le croci e i dolori. 

“Siate lieti” questa è la volontà di Dio [Fil. 3,1] .

Lettera Pastorale di Mons. Giuseppe MANI, Arcivescovo Ordinario Militare d’Italia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...