Poeti estinti, filosofi, preti

Poeti estinti, filosofi, preti,

martiri, artisti, inventori, governi d’un tempo,

forgiatori di lingue su altre rive,

nazioni un tempo potenti e ora indebolite, 

contratte o desolate,

io non oso procedere finché non v’abbia 

rispettosamente dato credito

di quanto avete lasciato sparso quaggiù,

io l’ho esaminato, riconosco che è 

ammirevole, 

(essendovi passato in mezzo,)

penso che mai nulla potrà essere più grande,

nulla potrà mai meritare più di quanto

esso meriti, mentre lo contemplo con 

attenzione, 

a lungo, e poi lo congedo,

io sto al mio posto coi miei giorni qui.

Qui terre femminili e maschie,

qui eredi e ereditiere del mondo, qui la fiamma 

della materia,

qui la spiritualità mediatrice, apertamente 

riconosciuta,

sempre protesa, il risultato delle forme 

visibili,

colei che soddisfa ed ora avanza dopo la debita 

attesa,

sì, ecco avanzare la mia signora, l’anima.

Walter Whitman (West Hills, 31 maggio 1819 – Camden, 26 marzo 1892)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...