La poesia salverà il mondo

Il mondo sottomarino,

Foreste al fondo del mare, i rami, le foglie,

Ulve, ampi licheni, strani fiori e sementi,

folte macchie, radure, prati rosa,

Variegati colori, pallido grigio verde,

porpora, bianco e oro, la luce vi scherza

fendendo le acque

Esseri muti nuotan laggiù tra le rocce, 

il corallo, il glutine, l’erba, i giunchi, 

e l’alimento dei nuotatori

Esseri torpidi brucan fluttuando laggiù, 

o arrancano lenti sul fondo,

Il capodoglio affiora a emetter lo sbuffo

d’aria e vapore, o scherza con la

sua coda,

Lo squalo dall’occhio di piombo,

il tricheco, la testuggine, il peloso

leopardo marino, la razza,

E passioni, guerre, inseguimenti, tribù,

affondare lo sguardo in quei fondi

marini, respirando quell’aria così

densa che tanti respirano,

Il cambiamento, volgendo lo sguardo qui

o all’aria sottile respirata da esseri che

al pari di noi su questa sfera

camminano,

Il cambiamento più oltre, dal nostro

mondo passando a quello di esseri

che in altre sfere camminano.

Walt Whitman