Anima

Antica piaga che mi rode l’ossa
al desiderio non concede posa.
Io per cammini scabrosi m’aggiro,
perché  alla quiete l’anima pervenga.

Rubo qualche piacere, e me lo annulla
la fantasia, appena lo possiedo.
Non riesce a prosperare il mio vivaio
che ho seminato in aspra terra ombrosa.

Il bene che offre il senno al sentimento
sa convincere amore con premura
a chiudermi le palpebre al tormento.

Conosco infatti che un lieve pensiero
originare può minor pazienza,
ed a volte rischiosa è l’allegrezza.

Sonetto ( LXV ) – Juan Boscán (Barcellona, 1492 – Perpignano, 1542) 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...