Sigur Ros – Ágætis Byrjun – HD Official Video

Annunci

Gesualdo da Venosa – Battiato – Sgalambro

“Gesualdo da Venosa” è una delle più belle musiche di Franco Battiato, tratto dal  album”L’ombrello e la macchina da cucire”(1995) i testi li ha lasciati fare quasi tutti a Manlio Sgalambro, solo lui poteva inserire in un testo “Teorema adiabatico!” e lasciare intatta la magia di questa musica.

Testi di Manlio Sgalambro e Franco Battiato, musiche di Franco Battiato.
Tracce:
L’ombrello e la macchina da cucire – 4.20
Breve invito a rinviare il suicidio – 4.19
Piccolo pub – 4.03
Fornicazione – 4.19
Gesualdo da Venosa – 4.08
Moto browniano – 4.43
Tao – 4.01
Un vecchio cameriere – 4.11
L’esistenza di Dio – 7.38

Io, contemporaneo della fine del mondo
non vedo il bagliore,
né il buio che segue,
né lo schianto,
né il piagnisteo
ma la verità
da miliardi di anni
farsi lampo.
Concerto n° 4 in do minore
per archi di Baldassarre Galuppi
(te, piccolo, minutissimo
mazzetto di fiori di campo).
La settima frase di Ornithology,
lultima, prima della cadenza e dal da capo
via, il noto balzo da uccello, sullultima nota
di Charlie…
(Pensiero causale –
Imperativo categorico –
Ferma distinzione delluomo dallanimale
Teorema adiabatico!)
I madrigali di Gesualdo, principe di Venosa,
musicista assassino della sposa –
cosa importa?
Scocca la sua nota,
dolce come rosa.

“Nascere e morire”,il  resto è sogno, interrotto da qualche insignificante sprazzo di veglia.
Manlio Sgalambro
(Lentini, 9 dicembre 1924 – Catania, 6 marzo 2014) è stato un filosofo, saggista, poeta e cantautore italiano.

La sua opera filosofica è stata definita di orientamento nichilista, definizione più volte respinta da Sgalambro stesso e si può piuttosto definire un’originale sintesi tra l’anti-idealismo di Arthur Schopenhauer  il materialismo e pessimismo di Giuseppe Rensi.
Sgalambro è noto al grande pubblico principalmente per la collaborazione con il cantautore Franco Battiato.

Tristan und Isolde

Un desiderio custodito a lungo nel cassetto, vedere il “Tristan und Isolde” dal vivo nel teatro di Wagner durante il Festspiele, un sogno impossibile da realizzare visto chei biglietti emessi sono circa 60.000 mentre le richieste superano quota 500.000.

L’annuale Festival di Bayreuth (Bayreuther Festspiele), a Bayreuth, in Baviera (Germania), è dedicato esclusivamente alla rappresentazione dei drammi del compositore tedesco Richard Wagner, poi per il resto dell’anno resta chiuso, anche se ci sono visite guidate. 

Il Festival si svolge ogni anno da fine luglio a fine agosto ed è a pieno titolo uno degli appuntamenti musicali più prestigiosi e ambiti del mondo.

Le prenotazioni degli Hotel sono  rinnovate di anno in anno e non trovi un posto nemmeno a pagarlo a peso d’oro.
 Una sera, mentre stavo cenando nel ristorante accanto al Teatro di Wagner una deliziosa vecchietta francese mi diede il suo biglietto perchè era molto stanca e l’opera l’aveva vista decine di volte.  Si aprirono così le porte di un paradiso a me sconosciuto: il terzo  tempo di “Tristan und Isolde” con un palcoscenico avvolto in una luce azzurra con la musica più struggente mai sentita prima di allora,  il primo passo verso la musica moderna, l’urlo di vita di un neonato, sul canto strozzato e denso di sussulti della soprano l’orchestra che  cresce gradualmente di volume, fra il vibrato fortissimo degli archi nell’eternità di pochi secondi: tutte le tensioni armoniche esplodono e si risolvono qui, dopo il quale il canto si scioglie sussurrando in un tappeto soffice di archi, fiati ed arpa che aspira a spegnersi. 

Per tentare di avere i biglietti occorre compilare un anno prima l’apposito modulo nel sito ufficiale . Tra tutti i moduli ricevuti verranno estratti tramite lotteria i fortunati che potranno assistere al Festival dell’anno seguente. L’attesa può essere anche di otto anni.Ritrovo annuale di tutti gli appassionati di Richard Wagner, il Festival di Bayreuth inizia a vedere la luce nel 1850 quando il celebre compositore espresse l’idea di creare una rassegna musicale dedicata alle sue opere ed aperta al maggior numero di persone: L’amicizia con Ludwig II di Baviera, suo devoto ammiratore e mecenate, gli permise di trasformare in realtà il suo sogno: il sovrano, oltre ad assicurargli una sicurezza economica e regalargli una villa prima a Monaco e poi a Bayreuth, gli finanziò la costruzione di un teatro, il Festspielhaus.

Il teatro di Bayreuth viene costruito tenendo conto dei suggerimenti di Wagner che portarono grandi innovazioni: l’orchestra viene nascosta sotto il palco in modo che il pubblico non venga distolto dal seguire l’opera, vengono eliminati i palchi per non creare distinzioni di ceto sociale ed economico e inseriti alcuni accorgimenti tecnici e strutturali per rendere l’acustica perfetta.