Il sonno degli Angeli 

Svefn-G-englar – Sigur Ròs

Sono tornato dentro di te.

È così bello essere (qui)

Fermarsi un po’

Fluttuo in correnti marine

(in un hotel)

Connesso alla corrente elettrica

(mi nutro)

Ma l’attesa mi inquieta… (piombo)

Fragile (rischioso) dò un calcio (e posso urlare)

“Devo andarmene” (Aiuto)

Poi tutto esplode e la pace finisce

(Immerso in una luce nuova

piango e piango, disconnesso)

Un cervello in disuso appoggiato al petto

nutrito da coloro che parlano nel sonno

3 pensieri su “Il sonno degli Angeli 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...