Cenere alla cenere

Vi ricordate di quel ragazzo che stava

in una canzone così vecchia

ho sentito una voce dalla torre di controllo

no, non ditemi che è vera

hanno ricevuto un messaggio

dal protagonista

“Sono felice, spero che anche voi lo siate”.

Ho amato tutti quelli

che avevo bisogno di amare,

seguono sordidi dettagli.”

L’urlo del Nulla mi sta uccidendo.

Solo foto di ragazze giapponesi

in sintesi

e io non ho soldi e non ho capelli

ma spero di farcela, il pianeta sta bruciando

Cenere alla cenere,

funk al funky 6

Sappiamo che il Maggiore Tom 7

è un tossico

confinato nell’alto dei cieli.

raggiunse una depressione senza fine

Spesso mi sono detto

devo rimanere “pulito” stanotte

ma le piccole assuefazioni mi inseguono

oh no, non un’altra volta

Sono cotto di un amico prezioso

“Sono felice, spero che anche voi lo siate”

Un lampo di luce

ma nessuna pistola fumante

Non ho mai fatto cose buone

Non ho mai fatto cose cattive

Non ho mai fatto niente di inaspettato

Voglio un’ascia per rompere il ghiaccio

Voglio tornare immediatamente giù

Mia madre mi diceva (8

di portare a termine le cose

Meglio che non perdi tempo

con il maggiore Tom.

David Bowie

  Ashes to Ashes, Dust to Dust:
cenere alla cenere, polvere alla polvere” preghiera proveniente dal canone di preghiera della Chiesa Anglicana,
in particolare usato nel rito del funerale.

6 E’ probabile che questo verso sia un nonsense per mantenere una certa assonanza con la preghiera originale “cenere alla cenere, polvere alla polvere” e nello stesso tempo fare rima con “junkie“. Il funk è un genere musicale e pertanto potrebbe esserci anche un doppio senso.

7  Major Tom è il protagonista di Space Oddity, tutto il brano costituisce un aggiornamento della sua storia.

  8 Bowie riscrive una filastrocca per bambini che dice: “My Mummy said/that I never should/play with the Gipsies in the wood” (“La mamma mi ha detto/che non dovrei mai/giocare con gli Zingari nel bosco”)

“dove c’è molta luce l’ombra è più nera”

Uno dei pochi video pop rock dove non c’è qualcuno che corre. Questo video oltre alle voci fuori campo che dicono parole indecifrabili  ha un piccolo dettaglio che lo rende grande: i due figuranti che mentre camminano toccano la terra con la mano senza fermarsi.